Bompani, Gabriele Muccino e il suo ultimo film: tre storie italiane si incontrano sul set

Gabriele Muccino, dopo 12 anni è tornato al lavoro su un set italiano. Per il suo rientro racconta la storia di una grande famiglia italiana. Sullo sfondo la storia tutta italiana della Bompani. Per le scenografie del film è stata scelta l’idea di cucina di Bompani, mettendo al centro delle scene uno dei pezzi pregiati del produttore italiano. Il frigorifero Retrò prodotto dall’azienda di Modena sarà protagonista del film “A casa tutti bene”, ambientato a Ischia, che debutterà nei cinema italiani il 14 febbraio

Un film di un importante regista italiano, girato su una delle isole più belle del nostro paese, che racconta la storia di una grande famiglia italiana. Non è un caso che “A casa tutti bene”, l’ultimo film di Gabriele Muccino, sia stato abbinato alla storia italiana della Bompani che dal 1954 rappresenta il “vivere e cucinare italiano” con elettrodomestici interamente progettati e realizzati nel nostro paese.

Gabriele Muccino mancava dall’Italia dal 2005 (il suo ultimo grande successo italiano è stato “Ricordati di me” nel 2003, seguito da una breve parentesi romana nel 2010 per girare “Baciami ancora”), ma ora è tornato a casa e dopo oltre un decennio trascorso negli Stati Uniti il regista romano lavora nuovamente su un set italiano.
La storia e lo stile Bompani sono protagonisti di numerose scene del film girate nella cucina della casa isolana: è attorno a uno dei pezzi pregiati della collezione Bompani, il grande frigorifero Retrò color crema, che si snodano le vicende dei personaggi, interpretati da numerosi attori, tra i più importanti del nostro cinema. A scegliere l’ambientazione della cucina e del frigorifero Bompani è stato Tonino Zera, architetto e scenografo vincitore dell’ultimo David di Donatello.

Un cast di grande livello, che nel film ha messo ancora una volta al centro la famiglia. “A casa tutti bene” è il ritratto di una grande famiglia riunita per festeggiare le Nozze d’Oro dei nonni, ma si ritrovano costretti a convivere nella casa sull’isola per tre lunghi giorni a causa di un’improvvisa mareggiata. Ai capi famiglia, Alba (Stefania Sandrelli) e Pietro (Ivano Marescotti), che nella vita fanno i ristoratori, si aggiungono i loro tre figli, Carlo (Pierfrancesco Favino), Paolo (Stefano Accorsi) e Sara (Sabrina Impacciatore) accompagnati dai rispettivi consorti, figli, ex e così via, ovvero Carolina Crescentini, Elena Cucci, Tea Falco, Claudia Gerini, Massimo Ghini, Sandra Milo, Valeria Solarino e Gianmarco Tognazzi. La storia raccontata è stata scritta dallo stesso Muccino e da Paolo Costella, lo sceneggiatore di Perfetti Sconosciuti.

“A casa tutti bene” – che uscirà nelle sale il 14 febbraio – è prodotto dalla Lotus Production, società di Leone Film Group, con Rai Cinema e distribuito da 01 e segna il ritorno ufficiale di Gabriele Muccino in patria, tanto che lui stesso lo ha definito “il film del ritorno a Itaca”: è un grande riconoscimento per Bompani essere scelta come emblema della cucina italiana da un grande regista. “La presenza in questo film è un modo per sostenere ancora una volta l’italianità delle nostre produzioni, in questo caso quelle cinematografiche, con il ritorno di un bravo regista mancato per troppo tempo dai nostri set”, afferma Enrico Vento, l’imprenditore che ha rilanciato la storia della Bompani.
Bompani
Bompani è il marchio dell’elettrodomestico made in Italy. Dal 1954 progetta e realizza nel cuore dell’Emilia Romagna – terra di motori, arte ed eccellenza culinaria – elettrodomestici per la cottura, quali cucine, forni incasso, piani cottura. L’offerta a marchio Bompani comprende anche lavastoviglie, frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici e cappe. La scelta di tecnologie all’avanguardia, nuovi materiali, design ricercato si coniuga con la funzionalità e l’ergonomia dei prodotti per rendere concreta la filosofia aziendale: consentire a tutti di sentirsi chef a casa propria in un ambiente accogliente e stimolante. Con Bompani si “vive e cucina italiano”.

Condividi su / Share on:

Autore dell'articolo: Redazione