La nascita dei “Maltagliati” raccontati dalla signora Pina, per decenni titolare di un negozio di ortofrutta in via Garagnani 11

I maltaiè… d’una breva sdaura

Dopo 35 anni di lavoro la signora Pina va in pensione festeggiata dalla Banda Municipale

Tratto dalla rivista “Fatti Nostri” – anni ‘80

Ste ad asculter un fat ca v’oi cunter: al turtlein l’è ne dall’umbreghel d’una dama, meinter i “maltaiè” o “levagrogn” i en nè tra al caraz d’un calzuler galant e una sdaura campagnola.
A vi da steir a saveir che una volta a cà di cuntadein, durant l’an, per dal stmani intiri, a g’andeva a lavurer al mazulai, al panirer, al conzacanva, al curder e al calzuler.
L’ira un vener, la sdaura l’aviva fat al brod coi fasù e la spoia da fer i parpadlein.
A fem un pas indri par dir che in dal frateimp iren tot in i camp a rungher al furmeint.
La spoia beli saca da taier, ste sdaura la fa so, al calzuler all’impruvis al sè livè so in svelt ciapand la sdaura par la veta.
La puvrata, tra la pora e la sudizioun, la lasè che al calzuler al fes qual c’aviva da fer, meinter la badeva a taier la spoia pinsand a qual c’ag salteva fora: di parpadlein cinein, di grand, di tond, di bislong e di long, insama, a mezdè i sein tot ardot a megner e al dis al marè ed ste dona: “Un bel quel te fat, cus’ela sta roba, propria quand a ghè di furastir!”. La sdaura un poc spaurida pinserosa, dala verghegna seinza guarder so marè: “Et capirè a me scapè la spoia trop saca, in post di parpadlein a magnari sta roba chè! I ciamari meltaie o taiemel. Piz a srà per al calzuler cal magnara qual ca ghè saltè fora”. Tutto finì senza danno e da quel giorno quel tipo di pasta si chiama “maltagliati”. Se li volete fare, però senza il calzolaio, unite a 500 grammi di farina 00, 4 uova, mescolate tutto, tirate la sfoglia più fine che potete e, quando è secca, arrotolatela su se stessa tagliandola in tre fasi, cioè dai due lati e poi nel centro. Ecco fatti i maltagliati da gustare con un buon brodo di fagioli.
Pina Righi, ortolana

Ringrazio le lettrici di “Fatti Nostri” che si sono complimentate per la ricetta dei “Calzagatti”, questo piatto antico che hanno cucinato con soddisfazione.
Tratto dalla rivista “Fatti Nostri” – anni ‘80

Condividi su / Share on:

Autore dell'articolo: Redazione