34 chef modenesi ringraziano il “dottor Massimo”

34 chef modenesi ringraziano il “dottor Massimo” Bottura

34 chef modenesi ringraziano il “dottor Massimo”. E il lunedì proseguono i Socialtables

Massimo Bottura è uno dei soci storici – e il più illustre – del Consorzio Modena a Tavola, che riunisce i 34 ristoranti “top” della nostra provincia, con l’obiettivo comune di conservare, difendere, promuovere e valorizzare la cucina modenese e i suoi prodotti tipici. Per questo i colleghi chef del neo dottore vogliono congratularsi pubblicamente con lui per la laurea ad honorem in Direzione aziendale ricevuta due giorni fa dall’Università di Bologna: “Massimo è un vero e proprio capitano d’impresa e questo riconoscimento lo rende ufficiale – sottolinea Luca Marchini, presidente del Consorzio, dando voce al pensiero comune di tutti i colleghi  – La sua capacità di guidare un team motivato ed estremamente preparato, la volontà di non dimenticare la tradizione, ma di contaminarla col nuovo sono gli ingredienti di un successo che ha portato la cucina modenese su tetto del mondo. Modena a Tavola applaude la professionalità e l’umanità di un Grande Chef, di un amico e un proprio rappresentate”.

Il Consorzio in queste settimane è impegnato a portare avanti proprio il progetto di Massimo Bottura “Socialtables@Ghirlandina”, la nuova mensa solidale fortemente voluta dallo chef anche nella sua città, dopo le esperienze di Milano e Rio. Ogni lunedì, la mensa della Ghirlandina sfama 60 persone in difficoltà, servendo gratuitamente la cena nello spazio dell’ex cappella Bentivoglio. Sono gli chef di Modena a Tavola a cucinare, utilizzando il surplus alimentare proveniente dai ristoranti della città e dai banchi del mercato Albinelli: i prossimi appuntamenti sono con Lorenzo Migliorini della “Taverna dei Servi” (lunedì 13 febbraio), Massimiliano Telloli dello “Stallo del Pomodoro” (20 febbraio), Emilio Barbieri del ristorante “Strada Facendo” (27 febbraio), Barbara Astolfi de “Il Calcagnino” di Formigine (6 marzo).

Condividi su / Share on:

Autore dell'articolo: Redazione